Barcelona en comù, la Guida

“Viviamo in tempi straordinari che richiedono soluzioni coraggiose e creative. Se riusciremo a immaginare una città diversa, potremo trasformarla.” Ada Colau

COME RICONQUISTARE LA CITTÀ IN COMUNE: GUIDA PER COSTRUIRE UNA PIATTAFORMA COMUNALE DEI CITTADINI

E’ stato possibile redigere questa guida grazie al Comitato Internazionale di Barcelona en Comú
Twitter: @BComuGlobal
Contatto e-mail: global@bcnencomu.cat
Barcellona. Marzo 2016
Questo documento è pubblicato con licenza Creative Commons:
Attribuzione – Si deve indicare la fonte, fornire un collegamento alla licenza e precisare se sono state apportate modifiche. Potete farlo in qualsiasi modo ragionevole, ma in nessun modo che possa far intendere che chi concede la licenza avalli voi o l’uso che ne fate.
A utilizzo esclusivamente non commerciale – È vietato utilizzare il materiale per scopi commerciali.
Fotografie: Marc Lozano

INDICE

  • INTRODUZIONE
  • PERCHÉ UNA PIATTAFORMA COMUNALE?
  • COME SI COSTRUISCE UNA PIATTAFORMA DEI CITTADINI VINCENTE?
  • FASE A: PRIMA DEL LANCIO PUBBLICO
  • FASE B: DAL LANCIO ALLA CAMPAGNA ELETTORALE
  • CROWDSOURCING DI UN CODICE ETICO
  • FINANZIAMENTO
  • ELABORAZIONE DI UN PROGRAMMA ELETTORALE “IN COMUNE”
  • COSTRUZIONE DI UNA CANDIDATURA ELETTORALE
  • STRUTTURA DI BARCELONA EN COMÚ DURANTE LA FASE B

 

INTRODUZIONE

Fin dall’inizio, quelli di noi che hanno partecipato a Barcelona En Comú erano certi che la ribellione democratica a Barcellona non sarebbe stato solo un fenomeno locale. Vogliamo che Barcellona inneschi una rivoluzione di cittadini in Catalogna, in Spagna, nell’Europa meridionale e oltre.

Sappiamo che esistono in altre città molte iniziative simili alla nostra che hanno lo scopo di spezzare dal basso l’attuale regime politico ed economico. Ogni città dovrà trovare la propria strada, che intraprenda la via elettorale o meno. Tuttavia, avendo vinto le elezioni a Barcellona, ​​siamo entusiasti di pubblicare questa guida alla filosofia e all’organizzazione di Barcelona En Comú dal nostro lancio all’ingresso nel governo. Ci auguriamo che possa essere utile per la costruzione di piattaforme di cittadini il cui scopo sia di vincere le elezioni locali in tutto il mondo.

PERCHÉ UNA PIATTAFORMA COMUNALE?

Barcelona En Comú non è nata dal nulla. Negli anni prima della sua creazione, in un contesto di crisi economica e politica in cui le istituzioni politiche tradizionali non rispondevano ai bisogni della gente, in città si è mobilitato un gran numero di movimenti di cittadini e ha dimostrato il potere di proporre e di mettere in atto soluzioni che hanno i cittadini organizzati.

  • Abbiamo conquistato i social network,
  • Abbiamo conquistato le strade ed
  • Abbiamo conquistato le piazze

Ma abbiamo riscontrato che le istituzioni stavano bloccando dall’alto quel cambiamento. Non potevamo permetterlo. Pertanto, abbiamo deciso che era arrivato il momento di riprenderci le istituzioni e metterle al servizio del bene comune. Abbiamo deciso di riconquistare la città.

Tuttavia, abbiamo riscontrato che le istituzioni stavano bloccando il cambiamento dall’alto. Non potevamo permetterlo. Così, abbiamo deciso che era arrivato il momento di riprenderci le istituzioni e metterle al servizio del bene comune. Abbiamo deciso di riconquistare la città. Per noi, “riconquistare la città” significa molto di più che vincere le elezioni locali. Significa mettere in atto un nuovo modello di governo locale, trasparente e partecipativo, ossia controllato dai cittadini. Significa anche attuare politiche eque, redistributive e sostenibili per reagire alla crisi economica e politica.

La nostra strategia è stata quella di iniziare dal basso, da quello che conosciamo meglio: le nostre strade, i nostri quartieri. La vicinanza dei governi municipali alla popolazione li rende il veicolo migliore che abbiamo per trasferire il cambiamento dalle strade alle istituzioni. Le città sono sempre state un luogo di incontro, di scambio di idee, di innovazione e, se necessario, di rivoluzione.

La democrazia è nata nelle città e sarà da lì che potremo iniziare a recuperarla.

Per ulteriori informazioni sul nuovo municipalismo in Spagna, cliccare qui.

Abbiamo conquistato i social network: http://peoplewitness.net/twitter-for-activists- how-to-achieve-a-successful-social-networks-campaign

Abbiamo conquistato le strade: http://howtocamp.takethesquare.net/2012/09/05/quick-guide-for-a-revolution-english/

Abbiamo conquistato le piazze: http://takethesquare.net/wp-content/uploads/2011/07/round_up_all_languages.pdf

Nuovo municipalismo in Spagna: http://municipalrecipes.cc/

COME SI COSTRUISCE UNA PIATTAFORMA DEI CITTADINI VINCENTE?

FASE A: PRIMA DEL LANCIO PUBBLICO

DECIDERE DI RICONQUISTARE LA CITTÀ E PRESENTARE L’INIZIATIVA AI CITTADINI

Il primo passo è quello di riunire un gruppo di uomini e donne che vogliono creare una piattaforma di cittadini per formare una candidatura vincente per le elezioni locali. Ciascuna piattaforma dovrebbe emergere dalla realtà sociale della città, essere guidata dai cittadini, fare affidamento sul sostegno più ampio possibile e non essere guidata da nessun partito politico. È essenziale che ci sia, fin dall’inizio, un equilibrio di genere in tutti gli ambiti di attività. Una rivoluzione che non è femminista non è degna di questo nome.

Ci dovrebbe essere una sola piattaforma di cittadini in ogni città. Se si lancia più di una candidatura comunale di cittadini, tutte le persone coinvolte dovrebbero fare ogni sforzo possibile per farle convergere su obiettivi e proposte concrete e far sì che collaborino, piuttosto che competere nelle elezioni comunali.

A Barcellona, ​​questo gruppo ha nominato un certo numero di portavoce uomini e donne (alcuni dei quali disposti a presentarsi come candidati) per presentare la piattaforma alla cittadinanza e ai media nei mesi iniziali. I portavoce hanno presentato il progetto a un evento pubblico aperto, invitando i cittadini e le forze politiche affini a partecipare e a farlo proprio. La presentazione ha riguardato inoltre la pubblicazione di un manifesto con la diagnosi del ​​contesto economico, politico e sociale della città e un testo di Principi e Impegni che riassumeva i principali obiettivi della piattaforma.

Il video della presentazione è visibile qui.

Manifesto: https://guanyembarcelona.cat/lets-win-Barcelona/

Principi e Impegni: https://guanyembarcelona.cat/es/compromisos/ Video della presentazione: https://www.youtube.com/watch?v=xCLxp3IHZTg

FASE B: DAL LANCIO ALLA CAMPAGNA ELETTORALE

OTTENERE IL CONSENSO DELLA POPOLAZIONE

Il passo successivo è quello di raccogliere un certo numero di firme di sostegno (a Barcellona, ​​una città di 1,6 milioni di abitanti, il nostro obiettivo era quello di raccoglierne 30.000 da giugno ad agosto 2014), e presentare il progetto in incontri pubblici in diversi quartieri in tutta la città. L’obiettivo degli incontri pubblici è sia parlare del progetto sia prendere nota delle preoccupazioni e delle proposte dei residenti della città. È essenziale, per iniziare in questo modo, dimostrare che vi sono altri modi di fare politica – ascoltando, partecipando, collaborando – fin dall’inizio.

Video sulle riunioni di quartiere: https://www.youtube.com/watch?v=sTWt2ipXKOY

CROWDSOURCING DI UN CODICE ETICO

Una piattaforma di cittadini non mira soltanto a cambiare le politiche locali. Mira anche a cambiare le regole del gioco e a creare nuovi modi di fare politica. Un modo fondamentale per raggiungere questo obiettivo è elaborare, discutere e approvare un codice etico pubblicamente e in modo trasparente.

Il codice etico è un documento che definisce le pratiche che coloro, che occupano posizioni pubbliche per elezione o nomina, dovrebbero mettere in atto per assicurare una amministrazione responsabile che rimanga in contatto con la vita reale.

|||UNTRANSLATED_CONTENT_START|||out in order to ensure a responsible administration that remains in touch with real life.|||UNTRANSLATED_CONTENT_END|||

Essa pone dei limiti agli stipendi e alle spese, assicurando che chiunque possa impegnarsi in politica ma, contemporaneamente, pone fine ai privilegi che hanno portato i rappresentanti politici a perdere di vista i cittadini comuni. Il codice etico dovrebbe includere meccanismi di trasparenza finanziaria efficiente e di affidabilità, nonché meccanismi per coinvolgere i cittadini nella vita pubblica.

Il codice etico di Barcelona En Comú è stato redatto sulla base dell’attività precedente delle forze politiche coinvolte nel progetto, di una giornata di dibattito di persona e dell’approvazione attraverso una piattaforma online.

Leggete il codice etico di Barcelona En Comú.

|||UNTRANSLATED_CONTENT_START|||Video about the neighbourhood meetings: https://www.youtube.com/watch?v=sTWt2ipXKOY|||UNTRANSLATED_CONTENT_END|||

Processo per la redazione del codice etico: http://www.eldiario.es/catalunya/Guanyem-ICV-EUiA-Podemos-Procés-Constituent_0_328267839.html Codice etico di Barcelona En Comú: https://guanyembarcelona.cat/es/codigo-etico-gobernar-obedeciendo/

FINANZIAMENTO

Come piattaforma abbiamo una politica di trasparenza e di contabilità chiara e rendiamo pubbliche entrate ed uscite. Ci impegniamo a non contrarre prestiti bancari e a basare il nostro sostegno su prestiti e donazioni di singoli individui.

ELABORAZIONE DI UN PROGRAMMA ELETTORALE “IN COMUNE”

Il processo collettivo di preparazione del nostro programma elettorale è iniziato nell’estate del 2014, quando i vari quartieri e gruppi politici di Barcelona En Comú (aperti chiunque volesse partecipare) hanno eseguito le diagnosi delle proprie aree, approfondendo le direzioni espresse nel manifesto generale.

Grazie al lavoro di quei primi mesi, alla fine del 2014 i gruppi dedicati alle politiche hanno elaborato dei documenti di riferimento. Tali documenti hanno costituito la base dei numerosi processi partecipativi utilizzati per redigere il programma elettorale.

Le proposte iniziali generate da quell’attività sono state sottoposte a due fasi di dibattito pubblico, aperto, di persona, online e di feedback. La prima fase ha consentito l’apporto di contributi alle proposte iniziali e la seconda ha permesso ai partecipanti di indicare le priorità per l’elenco definitivo delle misure di politica.

Questi processi hanno prodotto:

  • Un mandato dei cittadini composto da 40 misure, nell’ordine di priorità attribuita dai cittadini, che hanno formato il nucleo del programma elettorale Barcelona En Comú.

  • Un insieme di richieste dei cittadini per ogni quartiere e circoscrizione della città.

  • Proposte di politiche per tutta la città su temi diversi.

I gruppi politici del Barcellona En Comú hanno portato avanti le attività di raccolta, sintesi, sviluppo e valutazione della fattibilità di tutte le proposte avanzate.

Il nostro programma “in comune” è un documento che ha lo scopo di arricchire il dialogo con i cittadini. Non si tratta di una serie di promesse elettorali, piuttosto, è un fermo

impegno che guiderà tutto il nostro lavoro nel Comune. Questo è essenziale per far sì che i cittadini possano essere coinvolti di nuovo con entusiasmo nella vita politica. Per questo motivo il nostro programma include meccanismi di attuazione e di responsabilità.

Diagramma del processo di sviluppo del programma Barcelona en Comú

Programma Barcellona En Comú: https://barcelonaencomu.cat/es/programa⇥7

COSTRUIRE UNA CANDIDATURA ELETTORALE

Barcelona En Comú non è una coalizione o una zuppa alfabetica di sigle di partito. Abbiamo evitato logiche di partito tradizionali e costruito un nuovo spazio che, rispettando l’identità di tutte le persone coinvolte, va oltre la somma delle sue parti, ed è aperto a persone che non hanno mai partecipato precedentemente alla politica elettorale.

Una parte del DNA di una piattaforma per i cittadini è che le persone partecipano come individui. Non ci sono quote per i gruppi politici coinvolti. Questa è ciò che chiamiamo ‘confluenza’. E ‘una filosofia di collaborazione sulla base di priorità condivise e obiettivi concreti, non di mercanteggiamenti tra le parti. Richiede flessibilità e generosità da tutte le parti, e per tutti di contribuire con i loro punti di forza e risorse uniche per un progetto condiviso da tutti.

Nel redigere la lista elettorale Barcellona En Comú, abbiamo preso in considerazione l’equilibrio tra le forze politiche e gli attivisti e la parità di genere. La lista finale era composta da entrambi i gruppi politici che erano già stati eletti dal CE a Barcellona e quelle che non lo erano.

Guanyem Barcellona: driver originali del progetto, formato da tanti attivisti provenienti da movimenti sociali

ICV-EUiA: partito con consiglieri al Comune di Barcellona

Podemos: nuovo partito senza rappresentanza nel Comune di Barcellona

Procés Costituent: movimento sociale catalano senza rappresentanza nel Comune di Barcellona

Equo: partito ambientalista senza rappresentanza nel Comune di Barcellona

Per avere più informazioni sui rappresentanti eletti di Barcellona En Comú: clicca qui.

STRUTTURA DI BARCELONA EN COMÚ DURANTE LA FASE B

Una rivoluzione democratica è impossibile senza la partecipazione attiva dei cittadini e delle proposte disegnate collettivamente. La struttura organizzativa in ogni città varia a seconda del contesto, ma deve sempre essere orizzontale e trasparente, e ci devono essere meccanismi chiari per permettere alle persone che vogliono aderire al progetto di partecipare.

Cerchiamo di trovare un equilibrio tra orizzontalità ed efficacia, pur mantenendo un fermo impegno per la democrazia interna e la parità di genere. Questo compromesso implica far sì che ognuno si senta a suo agio nel dibattito e negli spazi per il processo decisionale, che le persone possano combinare la loro attività sulla piattaforma con il lavoro e responsabilità familiari, e che gli strumenti digitali non diventino un ostacolo alla partecipazione a causa dell’età o del reddito.

Coordinamento del Comitato

Segreteria del Comitato

Finanze

Logistica e amministrazione

Ufficio Legale

Sede Centrale

Credito

Minute

Merchandising

Partiti

Processi legali

Plenaria

Coordinamento del Comitato · Segreteria del Comitato

Logisticas⇥Organizzazione

Partecipazione online

Facilitazione

Coordinamento del Comitato

Segreteria del Comitato

Coordinamento del programma elettorale

Monitoraggio dell’agenda comunale

Gruppo di vicinato En Comú Quartiere

Gruppo di vicinato En Comú

Gruppo di vicinato En Comú

Gruppo di vicinato En Comú

gruppi

Gruppo di vicinato En Comú

Gruppo di vicinato En Comú

Gruppo di vicinato En Comú

Gruppo di vicinato En Comú

Gruppo di vicinato En Comú

Gruppo di vicinato En Comú

Gruppi territoriali

Coordinamento

Portavoce

Direzione delle Relazioni con i gruppi politici

Comitato di campagna

Rappresentanti dei comitati, dei gruppi politici e gruppi di quartiere

Rappresentanti dell’UAMI

partiti politici · Personale tecnico

Comitato dei contenuti

Programma elettorale

Gruppi di politiche

Educazione sanitaria

Lavoro, disuguaglianze, precarietà e Economia della povertà e dell’ambiente

Alloggio e migrazioni urbanistiche

Società dell’ informazione, cultura, genero e diversità sessuale

Governo locale, trasparenza e la partecipazione nel turismo

Sicurezza e diritti civili

Coordinamento del Comitato

Segreteria del Comitato

Comunicazione

Politiche e Programma

Estensione

Campagna elettorale

Comunicazione

Analisi dei dati

Coordinamento del Comitato · Segreteria

Stampa

Scrittura · Revisione testi · Social media · Web

Disegno grafico · Video

GRUPPI TERRITORIALI

1.1. GRUPPI DI VICINATO

Si tratta di assemblee di quartiere o di circoscrizione in cui tutti i residenti locali che desiderano possono partecipare. Sono rappresentati e collegati con il resto di Barcellona En Comú tramite il coordinatore di vicinato, in cui partecipano due persone per ogni gruppo di quartiere.

Il ruolo dei gruppi di quartiere di Barcellona En comu è quello di:

Incoraggiare e accogliere la partecipazione. Tenere workshops e condividere strumenti di partecipazione on-line e assistere a residenti locali nel loro uso.

Spargere la voce sul progetto Barcelona En Comú organizzando incontri pubblici e la distribuzione di materiali di comunicazione, in particolare durante la campagna elettorale.

Effettuare una diagnosi della situazione nel quartiere e come essa colpisce gli uomini e le donne residenti. Creare spazi di dibattito ed elaborare proposte.

Entrare in contatto con i gruppi locali di quartiere (ONG, movimenti sociali, attivisti) che possono apportare conoscenza ed esperienza in materia di quartiere, rispettando il mantenimento dell’autonomia di tali gruppi.

Coordinare con il Comitato dei Contenuti e Gruppi di Politiche

1.2 COORDINATORE di VICINATO

Questo è lo spazio che facilita, accompagna e unisce i gruppi di quartiere

di Barcellona En Comú. E ‘uno spazio per lo scambio di idee e di proposte al fine di elaborare le diagnosi e le politiche per il programma elettorale. E ‘il ponte che permette alle idee e consultazioni di essere comunicati tra i gruppi di quartiere e alla Plenaria e il team di coordinamento. E’ composto da due rappresentanti per ogni gruppo di quartiere e una squadra della sottocommissione di estensione territoriale, che modera le sue riunioni.

COMITATI TECNICI

Si tratta di gruppi di lavoro che svolgono le attività quotidiane essenziali per il funzionamento

della piattaforma. Ogni comitato definisce il proprio formato e l’organizzazione interna. Coloro che desiderano partecipare a questi comitati dovranno inviare una richiesta di partecipare a uno degli incontri regolari per nuovi collaboratori.

I comitati attivi durante

Fase B di Barcellona En Comú:

Comitato dei Contenuti: coordina la preparazione e il funzionamento dei Gruppi di Politiche e l’elaborazione di proposte per il programma elettorale.

Comitato di Comunicazione: pianifica e svolge la strategia di comunicazione. Le sue aree di lavoro sono: il sito e il server, grafica, social network, stampa, video, streaming, mailing, traduzione e correzione.

Comitato di Logistica e Nance: fornisce supporto logistico ad altri spazi, amministra le finanze dell’organizzazione, e organizza il supporto legale.

Comitato Cofluence: gestisce i rapporti con le forze politiche con le quali la piattaforma vuole candidarsi alle elezioni e lavora per rendere questo possibile.

Estensione territoriale: coordina l’attività della piattaforma nei quartieri e distretti.

Collaboratori: aiuta le persone che entrano in contatto con la richiesta di essere coinvolti nel progetto.

Organizzazione interna: elabora i protocolli e sviluppa la struttura organizzativa di ciascuna fase del progetto. Aiuta a l’introduzione di meccanismi di partecipazione online.

COORDINAMENTO

3.1. TEAM DI COORDINAMENTO

Questo è lo spazio esecutivo di Barcellona En Comú. Prende decisioni operative e urgenti e identifica le decisioni strategiche importanti che dovrebbero essere prese in plenaria.

Questo gruppo è responsabile di una visione globale del processo (strategia, tabella di marcia, calendario generale, l’analisi di attualità, ecc), e del coordinamento del resto dell’organizzazione. Si compone della piattaforma di portavoce e di candidati elettorali e le loro squadre di supporto, due rappresentanti per ogni comitato tecnico, un rappresentante del comitato di estensione territoriale e membri invitati di altri spazi. Altre due persone partecipano alle sue riunioni per moderare e prendere appunti.

3.2. PLENARIA

Questo è lo spazio più importante per la comunicazione e il processo decisionale all’interno di Barcellona En Comú, soprattutto in termini di decisioni strategiche e dell’organizzazione interna. Può partecipare chiunque sia attivo in qualsiasi dei comitati o gruppi della piattaforma. Si riunisce almeno una volta ogni due settimane. La plenaria può aprire il processo decisionale per tutti i cittadini attraverso collegamento in linea o altre forme di consultazione.

ALTRI SPAZI E PROCESSI

4.1. GRUPPI DI POLITICHE

Questi sono spazi d’incontro e partecipazione per le organizzazioni e soggetti attivi in ​​diversi settori politici. Il loro ruolo principale è quello di proporre e validare le posizioni politiche della piattaforma, e di valutare le questioni relative alla loro area ed elaborare proposte per il programma elettorale. Due rappresentanti per ogni area partecipano al Comitato di Contenuti.

Barcellona En Comú ha attualmente i seguenti gruppi di criteri: salute; educazione; il lavoro, le disuguaglianze, precarietà e povertà; economia e ambiente; alloggi e urbanistica; migrazioni; genere e diversità sessuale; società dell’informazione; cultura; governo locale, la trasparenza e partecipazione; sicurezza e diritti civili.

4.2. COMITATO DI CAMPAGNA

Viene impostato ed è attivo durante la fase C (la campagna elettorale). Responsabile per la pianificazione giorno per giorno e l’esecuzione della campagna elettorale.

4.3 RETI CREATIVE

Barcellona En Comú è supportato da un gruppo di artisti e designer, il Movimento per la Liberazione Grafica di Barcellona, e una rete di cyber-attivisti, SomComuns. Queste reti diversificano le possibili modalità di partecipazione al progetto, e contribuiscono alla nostra attività di comunicazione.

MLGB: https://www.facebook.com/mlgbarcelona

SomComuns: https://twitter.com/somcomuns

seguici su: bcnencomu

COME RICONQUISTARE LA CITTÀ EN COMÚ:

GUIDA PER COSTRUIRE UNA PIATTAFORMA COMUNALE DEI CITTADINI

(Traduzione: Traduttori per la Pace)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...